Critical Listening Room

Nonostante tutte le meraviglie dell’audio digitale e la potenza delle attuali workstation di registrazione e post produzione dell’audio,non dimentichiamo che il suono deve viaggiare dai nostri altoparlanti per giungere alle nostre orecchie. Fra questi due elementi vi è l’ambiente che può generare “Distorsioni Acustiche”. Tutti noi siamo a conoscenza delle distorsioni di natura elettrica ma le distorsioni di natura acustica sono il più delle volte sconosciute e/o trascurate. Gli effetti delle distorsioni acustiche sono difficili da descrivere ma il loro effetto è alle volte devastante, marcato e facilmente identificabile se un ascoltatore è posto nelle condizioni di poterle ascoltare. Nella figura sottostante è rappresentato un circuito equivalente a delle distorsioni acustiche.
Il segnale da una DAW è inviato ad un equalizzatore puoi ad unità di ritardo ed infine ai nostri altoparlanti. Supponete che questo circuito sia inserito a vostra insaputa nella vostra catena di registrazione-missaggio. Il circuito esalta le frequenze di 71, 142, 213 di 10 db ed introduce un ritardi di 4, 7, 10 ms. Il tecnico registra e mixa nello sforzo di eliminare queste anomalie.


Pensate la sorpresa quando svelato il mistero viene riprodotto il mix con l’EQ ed il delay spenti!! Questo problema assume una valenza fondamentale se si pensa che una delle più importanti caratteristiche di un prodotto registrato e mixato è la “trasferibilità”. In altre parole il prodotto musicale deve suonare in maniera simile in differenti ambienti/condizioni di ascolto. Questo significa che l’ambiente di lavoro non deve possedere una sua “firma” acustica che accompagna inevitabilmente il disco inficiandone la qualità. Molti studi di registrazione semi-pro e pro possiedono una propria “firma” acustica ma per essi esiste una possibilità di risolvere in buona parte queste anomalie: lo studio di mastering. Potete a questo punto comprendere che per lo studio di mastering “non esiste un’ultima spiaggia!!”. È per questo che l’absolutemastering studio altre che possedere le più moderne e valide apparecchiature presenti sul mercato è in primo luogo un ambiente di lavoro esente da “firme acustiche”. Sviluppato in collaborazione con l’università di acustica di Aalborg (Danimarca) possiede caratteristiche acustiche di standard qualitativo eccellente. Di seguito sono riportate alcune misurazioni in fig1 vediamo l’RT60 che è di 0,4 s su buona parte dello spettro in accordo con gli studi della BBC e con la normativa IEC 268-13.

In fig 2 vi è una misura dell’ETC (Eenergy Time Decay) dell’ambiente. Si può notare come vi sia una marcata differenza tra il suono diretto e il suono diffuso con un attento controllo delle prime riflessioni che generano notevoli distorsioni sia sul timbro che sull’immagine.

In fig 3 infine è riportata una misura dei diffusori in ambiente rilevata con analizzatore di spettro e rumore rosa.

Come si vede l’accuratezza è di ±2db se si considera che i diffusori hanno un’accuratezza di ±1 db si comprende immediatamente di quanto “non ci sia l’ambiente!!”

Copyright © 2010 Absolute Mastering - Via Marconi,66 - 80040 - Pollena Trocchia ( NA )

Tel +390813629161 - Cell +39 349 53 917 73 - p.i. 05468741219